Mercato delle Gaite

      stampa

      Il mercato delle gaite trae ispirazione dall'antica divisione di Bevagna in quattro quartieri denominati Gaite su cui si basava l'organizzazione amministrativa della città in epoca medievale
      Lo scopo della manifestazione è quello di ricostruire con la maggiore attinenza storica e dovizia di particolari la vita quotidiana degli abitanti di Bevagna nel periodo compreso tra il 1250 e 1350 A tal scopo, fin dal 1983 un gruppo di studiosi esamina accuratamente lo Statuto cinquecentesco del Comune di Bevagna da cui sono tratte le informazioni necessarie alla ricostruzione storica della vita politica, amministrativa, economica e sociale.
      Per dieci giorni, quindi, alla fine di giugno Bevagna fa un tuffo, in questo remoto passato: le antiche botteghe dei mestieri medievali riaprono i loro battenti e riprendono le attività e le strade si popolano di bevanati che in abiti d'epoca vivono la quotidianità dei loro avi mangiando, lavorando, giocando proprio come loro.
      Oggi come allora la città si divide in quattro gaite, ma oggi ognuna rivaleggia con le altre nel tentativo di dare un interpretazione storicamente fedele del ruolo che rivestiva nel medioevo.
      Lo spirito di competizione è alla base della animata manifestazione e si concretizza nella partecipazione a quattro gare: gara del mercato, gara dei mestieri gara gastronomica, gara sportiva di tiro con l'arco.
      Con un complesso sistema a punti, assegnati da professori esperti nei diversi campi e chiamati a giudicare la attinenza storica, l'ultimo giorno della manifestazione si decreta il vincitore che riceve in dono il palio della vittoria.
      Il forte spirito di appartenenza alla propria gaita rende le competizioni molto interessanti e stimola un contunuo miglioramento delle proposte delle gaite nei vari settori con evidente vantaggio delle qualità generale della manifestazione Il Mercato delle Gaite è oggi annoverato tra le più importanti manifestazioni storiche dell'umbria e fa parte della Associazione Regionale Manifestazioni Storiche

      Struttura e organi della Associazione Mercato delle Gaite

      Consiglio Maggiore
      Fanno parte del consiglio maggiore il Podestò, i consoli delle quattro gaite, i sette delegati, il Sindaci del Comune di Bevagna, il rappresentante della Pro-Loco di Bevagna, l'assessore del comune di Bevagna. Al Consiglio Maggiore compete la gestione ordinaria e straordinaria dell'associazione.

      Consiglio di Gaita
      Il consiglio di Gaita è formato da 9 a 15 membri. Il Console e il Soprastante al Mercato sono le due maggiori autorità della Gaita

      Accademia
      è un organo di ricerca e sperimentazione sui temi relativi alla cultura e alla vita quotidiana nel medioevo. Ne fanno parte il Rettore, i sette delegati delle gaite ed esperti vari.

      Membri del Consiglio Maggiore
      - Console della Gaita S.Giovanni: Silvio Bellini
      - Console della Gaita S.Giorgio: Massimo Ricci
      - Console della Gaita St.Maria: Gianluigi Properzi
      - Console della Gaita S.Pietro: Enrico Galardini
      - Delegati Gaita S.Giovanni: Amedeo Sideri - Folco Barattini
      - Delegati Gaita S.Giorgio: Federico Fondacci - Claudio Pagliochini
      - Delegati Gaita St.Maria: Claudio Cecconi - Fabio Maccarelli
      - Delegati Gaita S.Pietro: Paolo Porzi - Antonio Pirillo
      - Sindaco del Comune di Bevagna: Enrico Bastioli
      - Assessore del Comune di Bevagna: Oscar Proietti
      - Presidente Pro Loco di Bevagna: Giuseppe Priano


      Membri del Comitato Esecutivo
      - Podestà: Folco Barattini
      - Cancelliere: Claudio Pagliochini
      - Cerimoniere: Paolo Porzi
      - Ambasciatore: Antonio Pirillo
      - Tesoriere: Claudio Cecconi


      Membri dell'accademia
      - Rettore: Prof. Franco Franceschi
      - Delegati delle Gaite

      - Esperti:

      ■◦Prof. Franco Franceschi

      ◦Dott. Andrea Barlucchi

      ◦Prof. Emore Paoli

      ◦Prof. Alessandro Vezzosi

      ◦Prof. Giancarlo Rati

      ◦Prof. Enrico Sciamanna

      ◦Prof. Flavio Crippa

      ◦Dott. Alfredo Properzi

      ◦Prof.ssa Marta Gaburri

      ◦Dott. Giuliano Fraolini

      ◦Prof.ssa Anna Rita Falsacappa

      ◦Dott.ssa Rita Galardini
      ◦Dott.ssa Donatella Corvellini

      ◦Dott.ssa Rita Sforza

      ◦Dott.ssa Daniela Ottavi

      ◦Dott.ssa Giuliana Girolamini

      ◦Dott.ssa Francesca Mattioli

      ◦Prof. Filippo Salemmi

      ◦Sig. Francesco Cacciamani

      ◦Sig.ra Anninziata Bordoni

      ◦Sig Francesco Antonini Mongalli

      ◦Sig. Antonio Lanari

      ◦Prof. Claudio Vinti
      ◦Dott. Marco Setteposte

      ◦Dott.ssa Annna Setteposte

      ◦Geom. Angelo O. Fabrianesi

      ◦Sig.na Elisabetta Properzi

      ◦Sig. Mario Lolli

      ◦Maria Teresa Lepri

      ◦Enrico Lolli

      ◦Paolo Porzi

      ◦Fabio Maccarelli

      ◦Prof. Nico Ottaviani

      ◦Prof. F.Frascarelli

      ◦Prof. Bartoli L'Angeli

      ◦Prof.ssa Casagrande

      ◦Prof. Regni


      Orari e modalità di apertura al pubblico:

      Le botteghe sono aperte da sabato 21 a domenica 29 secondo gli orari stabiliti dal programma. I biglietti sono in vendita presso gli appositi punti posti all'ingresso di ogni bottega.