LA LOCAZIONE DELL'IMMOBILE NON VA PIU' DENUNCIATA ALL'AUTORITA' DI PS

    stampa

    Dal 21 giugno 2012, non c'è più l'obbligo, per i contratti di locazione e di comodato di un fabbricato, di comunicare all'autorità locale di pubblica sicurezza l’ubicazione dell’immobile, le generalità del conduttore o della persona che assume la disponibilità del bene.

    La novità è stata introdotta con il decreto legge 20 giugno 2012 n.79 [pubblicato in data 21/06/2012].


    Sarà l'Agenzia delle entrate ad individuare le informazioni acquisite nel corso della registrazione nel sistema informativo dei contratti e a trasmetterle in via telematica al Ministero dell'Interno.


    Nel caso in cui venga concesso il godimento del fabbricato o di porzione di esso sulla base di un contratto, anche verbale, non soggetto a registrazione in termine fisso, l'obbligo di comunicazione all'autorità locale di pubblica sicurezza sarà assolto attraverso l'invio di un modello informatico approvato con decreto del Ministero dell'Interno, che dovrà essere adottato entro novanta giorni da oggi, che stabilirà le modalità di trasmissione.

    [dal sito ufficiale del Ministero dell’Interno]

     

    Si ricorda inoltre che dal 14 maggio 2011 - a seguito dell’entrata in vigore del DL 13 maggio 2011, n. 70 [convertito con modificazioni in  L. 12 luglio 2011, n. 106] - l’obbligo della comunicazione di cessione del fabbricato è venuto meno anche in caso di vendita del fabbricato, mediante la semplice registrazione dei contratti di trasferimento aventi ad oggetto immobili o diritti immobiliari

     

    LE PRESENTI NORME NON SI APPLICANO NEL CASO DI OSPITALITA' DI CITTADINO EXTRACOMUNITARIO O APOLIDE,  LE CUI COMUNICAZIONI ALL'AUTORITA' LOCALE DI PS DEVONO ESSERE EFFETTUATE NEI TEMPI E CON LE MODALITA' INDICATE DALL'ART. 7 DEL DECRETO LEGISLATIVO 25/07/1998, N. 286.